Codice Enigma

Tic. Tac. Tic. Tac.  La luce ambrata che filtrava, tagliata dalle tapparelle, rendeva l’ambiente più caldo di quanto già non fosse. Eravamo seduti l’uno di fronte all’altro. In silenzio. L’unico suono che rompeva il silenzio era il ticchettio dell’orologio messo sulla parete.  Tic. Tac. Tic. Tac. Tutto immobile, tutto silenzioso, tutto ovattatao. Immerso in una…