Vali meno della tua auto!

 

Non voglio offenderti, ma alla prova dei fatti è proprio così.

Ora ti spiego perché.

La tua auto se procura danni a persone e cose ha un’assicurazione che risarcisce le parti.

Tu no

 

La tua auto se ha un problema al motore e non può svolgere “il suo lavoro” ha qualcuno che la prende, la porta in un’officina e la ripara, al costo dell’assicurazione che paghi.

Tu no

 

La tua auto se subisce danni da vandali e “si fa male” ha una protezione che paga il danno estetico.

Tu no

 

Quindi a conti fatti tu proteggi la tua auto anche con coperture supplementari tipo atti vandalici, polizza cristalli ed altro e tu spesso non hai nessun tipo di protezione.

Se ti fai male e ti devi rivolgere a specialisti paghi tutto di tasca tua. Nel caso in cui tu, o i tuoi familiari, causino un danno a persone e cose risarcisci TU con il tuo capitale e, se non bastasse a riparare il danno, anche con il capitale dei familiari più vicini.

Nel caso in cui una persona a causa di eventi esterni (infortuni) o interni (malattia) passasse da fonte di guadagno (stipendio o parcelle) a centro di costo (cure specialistiche, infermieristiche, macchinari o altro) sono certo che l’autoassicurazione, ovvero i soldi che si mettono da parte “perché non si sa mai”, non basterà mai.

Ti aggiungo in coda a quest’analisi anche un’altra piccola considerazione: non assicurarsi ti fa perdere soldi.

Bloccando dei soldi sul conto corrente perché “non si sa mai” ti impedisce di seguire una pianificazione finanziaria degna di questo nome. Avendo la certezza del costo irrisorio (ti garantisco che qualsiasi protezione costa meno di quel che credi) della copertura potresti destinare quei capitali ad altro.

È anche vero che una parte di colpa risiede anche in chi fa il mio lavoro. Le statistiche ci dicono che gran parte degli italiani vorrebbe sottoscrivere polizze attraverso le quali proteggersi, ma non riceve proposte. Faccio mea culpa, ma come si approccia l’argomento, essendo noi “latini”, la mano corre a toccare ferro…

Il campo della protezione è difficile e spinoso, ma attraverso la preparazione e la chiarezza nell’illustrare i servizi si può fare un’enorme differenza.

Allora, per capire, quali sono le cose da proteggere, da difendere e da tutelare? La tua casa, la salute della tua famiglia, la tua tranquillità o…la tua auto?

Pubblicato da Simone Funghi

Sono un Consulente Finanziario Nerd ed appassionato di Sport.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: